Tiro a segno A.N.A.

49° Campionato Nazionale tiro a segno

Carabina Libera a terra

35° Campionato Nazionale tiro a segno

Pistola Standard

La Sezione ANA di Verona ha partecipato con entusiasmo ai campionati nazionali di tiro a segno organizzati, in questo settembre 2018, dalla Sezione ANA di Pisa-Lucca-Livorno presso il poligono di tiro di Lucca. La competizione è iniziata il sabato mattina, ma la manifestazione di apertura del campionato e la deposizione di una corona d’alloro a onore e ricordo dei nostri cauti si è tenuta nel bellissimo paese di Montecarlo, sede provvisoria della Sezione ANA locale, il sabato sera. Con una numerosa e composta sfilata abbiamo attraversato tutto il paese per fermarsi poi vicino al monumento ai caduti, fra tutti, il nostro vessillo era esibito con orgoglio da Claudio Provedelli e scortato da vicino da Enrico Corghi, delegato allo sport, assieme alla moglie Elena. Qui hanno preso la parola i vari dirigenti ANA tra cui il presidente della Sezione ospitante Domenico Bertolini il quale si è detto fiero e incredulo nell’ospitare una manifestazione così sentita e numerosa e il responsabile della commissione nazionale sport ANA, Renato Romano, che ha dato il via ufficiale al campionato 2018. Il poligono di Lucca è all’altezza della gara e per la prima volta, nella specialità di pistola standard, ci siamo cimentati con i bersagli elettronici; noi non eravamo abituati ad essere messi così in mostra con il pubblico, sembrava di essere in vetrina e il tuo colpo veniva visto e commentato da tutto il vasto pubblico presente. Questa, forse, è una scusa per giustificare i punteggi abbastanza bassi ottenuti da parte di tutti i concorrenti, basta pensare che il primo assoluto ha vinto con 280 punti, quando ai tempi d’oro del nostro Paolo Deguidi si vinceva con oltre 290 punti; ma forse la vera causa sta nella carta d’identità, dove si evidenzia che gli anni passano e purtroppo ci sono pochi giovani alpini che si dedicano a questa bella attività sportiva. Il nostro Franco Gaspari, classe 1932, rimane il nostro Faro di riferimento e da lui abbiamo molto da imparare, comunque, con la squadra composta da Paolo Deguidi, Roberto Tronconi e Tiziano Olivo ci siamo guadagnati il 4° posto mentre nella classifica per Sezioni Verona ha vinto il 1° posto su 21 classificate, sul podio individuale sono saliti Paolo Deguidi 5° class. Master, Tiziano Olivo 4° class. Gran Master e Antonio Zanella 4° class. Aggregati, rimane da sottolineare che a causa della prematura data di svolgimento (8-9 settembre) ci sono venuti a mancare 4/5 buoni tiratori perche erano ancora in ferie. Verona al 4° posto anche con la squadra di carabina libera composta da Andrea Ranzi, Bruno Scardoni e Valentino Spada, nella classifica individuale è salito sul podio Andrea Ranzi 3° classificato Master, mentre in classifica Aggregati Nicola Brunelli con 292 punti ha guadagnato il terzo posto del podio a pari punti dei primi classificati ma con meno mouche (il centro del dieci). Un lamento generale per quanto riguarda la gara di carabina dove si vorrebbe un po’ più di professionalità, ricordando che la gara è di carabina libera, non si può pensare di partecipare con “carabinette” tipo Olimpia Beretta o peggio, che vanno a scaricare i bossoli contro il concorrente che c’è a fianco e evitiamo ulteriori commenti al tema sperando che si torni ai tempi che fu, quando chi partecipava era veramente preparato, tecnicamente parlando. A margine del campionato, questa è a terza edizione che ci si confronta anche con carabine e pistole ad aria compressa, in attesa che nelle alte sfere ANA si decida di organizzare un campionato a loro dedicato anche invernale, quando tutte le altre specialità sono ferme, hanno partecipato anche alcuni nostri tiratori e con la carabina Luciano Brunelli è salito sul 3° gradino del podio seguito al 4° posto da Valentino Spada. Alla gara di pistola hanno partecipato con onore anche Enzo e Andrea Castellani, Mauro Milani, Livio Zonato, Luigi Andreozzi, Omero Bonato, Gianluca Cremon e Oscar Poletto. Con la carabina, oltre ai già citati, hanno preso parte alla gara anche Thomas Scardoni, Mario Magrinelli, Gabriele Vanzo, tra gli aggregati: Andrea Stegagnini e la nostra portafortuna Amalia Prisco.

Luciano Brunelli

Campionati Italiani Seniores, Juniores, Para 2018

Tiro a segno. Campionai Italiani Seniores, Juniores, Para 2018

Bologna 25 – 29 Luglio 2018

E’ giunto il momento dove ci si gioca tutto, o la va o la spacca, recita un noto proverbio di casa nostra. Per la prima volta, l’Unione Italiana Tiro a Segno, ha organizzato, presso il poligono di tiro a segno di Bologna, la gara finale del campionato italiano unendo tutte le categorie di tiro e tutte le specialità ISSF, armi classiche e olimpioniche con bersaglio alla distanza di 10, 25 e 50 metri. Erano quindi presenti le categorie Allievi, Ragazzi, Juniores, Seniores, Master e Para; uomini e donne. Detto così sembra una cosa semplice, in realtà prima di questa edizione i campionati venivano organizzati in due sedi diverse e in date diverse per dar modo di svolgere le gare con una certa tranquillità; in questi giorni a Bologna si sono confrontati sicuramente ben oltre un migliaio di tiratori, i migliori d’Italia. La Sezione di tiro a segno di Verona, pur avendo ridimensionato l’attività agonistica, è una tra le più numerose e preparate Sezioni italiane e quindi ci si aspetta dei risultati importanti, ma si sa che a volte sono proprio le aspettative quelle che tradiscono i tiratori perche il nostro sport richiede sì molta tecnica ma sicuramente altrettanto sangue freddo nel gestire le situazioni sfavorevoli. Per ordine seguiamo le gare dei nostri tiratori, ed è proprio la brava Giulia Campostrini a salire per prima sul podio con una medaglia di bronzo al collo guadagnata in finale con la pistola ad aria compressa – P10, alla stessa gara hanno partecipato anche Vittoria Toffalini e Margherita Veccaro che però attualmente spara per la Sezione di Treviglio. Le stesse le ritroviamo il giorno successivo nella gara di pistola sportiva – PSp, Giulia si guadagna un altro bronzo e nella finale Margherita ha avuto la meglio e ha vinto con merito l’oro. Nel frattempo la squadra veronese di carabina ad aria compressa – C10 composta da Dalila Olto, Silvia Tamanini e Camilla Veronesi conquista con soddisfazione una bella medaglia di bronzo. Un po’ meno soddisfatti si dichiarano gli uomini, Nicola Brunelli – CLT, Elia Mattei – PL, Andrea Amore – P10, Giovanni Scandola e Daniele Menini – C10. Molto bene invece la squadra dei nostri giovani Juniores uomini con Alexandros Chatziplis, Nicola Aloisi e Davide Bicego che in C10 sono saliti sul gradino più alto del podio e hanno portato a casa una bella medaglia d’oro. Dalila Olto ritorna a mettersi in luce e in finale con la carabina sportiva nelle tre posizione – CS3p, entra in finale e si classifica al quinto posto. Le nostre giovanissime ragazze: Vittoria Braggio, Anna Schiavon e Giulia Lissandrini sfiorano il podio più volte ma non riescono a salirci sopra, sono molto giovani e avranno molte altre occasioni. Maria Rosa Tonetto sfiora il podio in CST – MD, ma riesce a salirci in CS3p – carabina sportiva tre posizioni, conquistando il bronzo, nei stessi giorni hanno sparato anche Giovanni Marazio in PGC – U, Francesco Venturi Baroni in PSp – JU, Eleonora Andreozzi in CST e CS3p – JD, Giovanni Scandola in CL3p U, Dalila Olto e Camilla Veronesi in CST – D. Non ha deludo le aspettative la squadra master uomini 5^ classificata in CLT con Augusto Toffaletti, Valentino Spada e Bruno Scardoni. Molto bene la squadra di CLT – JU che ha vinto il bronzo con Alexandros Chatziplis, il quale ha vinto il bronzo anche nell’individuale, Nicola Aloisi e Pietro Zuccotti. I stessi tiratori hanno vinto l’argento a squadre in CL3p – JU e in finale Alex Chatziplis ha vinto, con tanta soddisfazione, l’oro. Buone notizie anche dalle nostre consorelle Sezioni di Soave, Cerea e Negrar con Enrico Dal Corso in CLT – U. Cerea 2^ classificata in C10 – JU con Martin Petrini Agustin, Vadimir Barbieri e Diego De Mori; nell’individuale Agustin Martin Petrini ha vinto l’argento in CL3p – JU. La squadra di Soave si è distinta in CL3p – master U, dove con Roberto Venturi, Giuseppe Zuccoli e Mario Magrinelli ha vinto l’oro, la stessa squadra con Giovanni Caselli si è ripetuta vincendo l’oro in CLT, e con Gian Pietro Zago si è classificata al sesto posto in C10. Nella classifica individuale troviamo la veronese Sofia Benetti (attualmente spara per Appiano S. Michele dove frequenta l’Accademia del tiro a segno assieme al nostro Alex Chatziplis) che ha vinto l’oro in C10 – JD e l’argento in CS3p e CST. Per la gioia delle migliaia di penne nere veronesi la brava Martina Ziviani di Cerea è stata arruolata nel Centro sportivo dell’Esercito nell’Arma degli Alpini; a Bologna ha dato spettacolo vincendo l’argento in finale sia C10 che in CS3p – Donne. Gli Alpini veronesi l’aspettano tra le loro fila nel campionato nazionale ANA.
Altre importanti notizie in breve dai nostri ragazzi: Chateauroux Alpencup – Coppa delle Alpi 2018 dall’2 al 4 agosto. Chiude in bellezza la squadra azzurra in trasferta a Chateauroux: grazie alle medaglie conquistate nelle diverse specialità di pistola e carabina a fuoco e ad aria compressa, l’Italia ha riportato a casa la Coppa delle Alpi aggiudicandosi la vittoria finale. Il nostro Alexandros Chatziplis ha conquistato l’argento individuale in C10 – carabina ad aria compressa a 10 metri, e assieme a Formichella di Tivoli e Ranzani di Roma hanno vinto l’oro a squadre davanti a Francia e Germania. Tra le donne la squadra Juniores di P10 – pistola ad aria compressa, di cui fanno parte le veronesi Giulia Campostrini e Margherita Veccaro ha vinto l’argento; Margherita Veccaro ha vinto la medaglia d’oro nelle gara di PSp, con pistola cal.22. Sofia Benetti ha vinto l’oro individuale e l’argento a squadre nella gara di C10 Juniores Donne.
Junior World Cup. Giulia Campostrini e Margherita Veccaro assieme ad Aria Brunella hanno rappresentato l‘Italia e hanno vinto l’argento a squadre, dietro alla Cina ma davanti all’India nella gara internazionale “Junior World Cup” a Suhl in Germania dove erano presenti le 21 squadre più forti nel panorama internazionale di tiro a segno compreso Russia e America.

4^ Edizione “Trofeo Memorial Capitano Alpino M.A.V.M. Manuel Fiorito”

Domenica 27 maggio 2018 si è conclusa la quarta edizione del Trofeo dedicato al capitano degli alpini Manuel Fiorito perito in Afghanistan a causa di un attentato terroristico in cui perse la vita anche il maresciallo Luca Polsinelli. Il 5 maggio 2006 in un vile attentato ha perso la vita il nostro concittadino, noi del tiro a segno, ma in particolare il nostro presidente, generale alpino Riccardo Sartor, vogliamo mantenere in vita il suo ricordo organizzando, ormai da quattro anni, questo trofeo. Assieme a noi condividono questo evento la Sezione U.N.U.C.I. e la Sezione A.N.A. di Verona. E’ una gara di tiro a segno con fucili ex ordinanza con carica ridotta e con il bersaglio alla distanza di 50 metri, gara adatta a chiunque, purché maggiorenne, perché si spara da seduti con la parte anteriore del fucile in appoggio su un supporto. Per premiare il più possibile sono state stilate tre classifiche: A; per tiratori esperti e che nelle precedenti edizioni hanno ottenuto ottimi risultati, categoria B; per buoni tiratori ma che non si sono classificati tra i primi nelle altre edizioni e categoria C; per quanti è stata la prima volta che hanno sparato. Alle premiazioni, che vorremmo ardentemente fossimo molto più numerosi, visto anche l’importanza dei premi e da questa edizione anche con tre premi ad estrazione tra tutti i concorrenti, era presente il delegato del Gruppo Sportivo A.N.A. Verona Giampietro Ciocchetta che ha portato ai presenti il saluto del presidente della Sezione A.N.A. Verona Luciano Bertagnoli e quello del consigliere delegato allo sport Marco Rambaldel, ha poi incitato gli alpini a partecipare numerosi a ogni manifestazione sportiva perché è il migliore dei modi per avvicinare i giovani al mondo dell’A.N.A. Il presidente Riccardo Sartor ha rivolto poche ma significative parole a ricordare la figura del capitano Manuel Fiorito. Ed ecco le classifiche: categoria A – 1° Gabriele Morando Caprino, 2° Andrea Bellini Caprino, 3° Mirco Schiavon Verona, tutti a pari punti (97) ma a decidere la classifica sono state le mouche (il centro del 10). Nella categoria B – 1° Andrea Castellani Verona con punti 100 seguito al secondo posto dal fratello Enzo con due punti in meno e buon 3° Stefano Cauduro di Vicenza con punti 97. Categoria C; 1° Cristian Perfranceschi, 2° Paolo Consolini, 3° Kenny Consolini. Da queste categorie vengono premiati con il “Trofeo Manuel Fiorito” gli alpini primi classificati delle categorie A e B che per questa quarta edizione se lo sono aggiudicati in cat. A – Andrea Bellini di Tregnago e in cat. B – Andrea Castellani di S. G. Lupatoto. Grazie a quanti hanno partecipato e a rivederci ancora più numerosi il prossimo anno.

4a Prova Campionato Regionale Federale Veneto

Vittorio Veneto – 4 – 5 – 12 – 13 maggio 2018

A cento anni dal termine della prima guerra mondiale, Vittorio Veneto, la città della vittoria, ha accolto i tiratori veronesi con vero spirito sportivo. I tiratori veronesi per ricambiare le cortesie si sono guadagnati ben 49 medaglie, di cui 19 d’oro, 18 d’argento e 12 di bronzo. Dopo la 3^ gara regionale di Treviso avevo detto che il bottino delle 52 medaglie sarebbe stato difficile da replicare, infatti qui a V.V. ne abbiamo conquistate tre in meno, ma comunque non si può certo dire che siano poche, anche considerando che le prestazioni di tiro sono state ben 720. I tiratori veronesi hanno pensato bene di omaggiare la Sezione della “Vittoria” con un record esaltante per tutti; per la Sezione ospitante, perche vuol dire che nel suo poligono si spara bene e si ottengono risultati prestigiosi, per il tiratore che lo realizza, perche con un risultato simile vede realizzarsi un sogno costruito in anni di sacrifici presso le linee di tiro di buona parte dei poligoni italiani, aggiungendo al proprio palmares un ulteriore record personale e sezionale; per la Sezione di appartenenza del tiratore, perche significa che quanto ha seminato negli anni sta dando degli ottimi frutti. Tutti contenti quindi che Nicola Brunelli, figlio d’arte di papà Luciano, abbia realizzato, nella specialità di CLT, carabina libera cal. 22 nella posizione a terra, ben 599 punti su 600, si!, avete capito bene; sui sessanta colpi di gara ha realizzato 59 centri (10) con 38 mouche (il centro del 10) e un solo 9 perdendo di conseguenza un solo punto. Festa grande nel bar del poligono di V.V. tra gli amici tiratori veneti e grandi brindisi per festeggiare questo splendido risultato ad un solo punto in meno del record italiano e mondiale. Onore e merito quindi ai nostri tiratori che continuano a migliorarsi come Giulia Lissandrini che in C10 ha chiuso la sua gara realizzando, nell’ultima serie, un splendido 100 e guadagnando l’oro. Eleonora Andreozzi con ben 3 medaglie d’oro nelle tre specialità di carabina, Dalila Olto 2 ori e un argento in C10 realizzando 390 punti con 25 mouche, battendo così il suo compagno Giovanni Scandola e Davide Bicego che hanno ottenuto lo stesso risultato ma, rispettivamente, con 1 e l’altro con 2 mouche in meno. Alexandros Chatziplis con due medaglie d’oro, Camilla Veronesi e Giovanni Scandola che hanno vinto una medaglia per colore nelle tre specialità di carabina, un oro e due argenti per il bravo Nicola Aloisi, oro e argento alla giovanissima Anna Schiavon nelle specialità di carabina ad aria compressa e nella stessa specialità oro anche a Daniele Menini. Per completare il medagliere dei tiratori di carabina: ha vinto due medaglie d’argento Maria Rosa Tonetto ed una ciascuno a Silvia Tamanini, Beatrice Montanari, Paolo Facchinetti, Chiara Zenari e Michele Ferrari, 2 medaglie di bronzo a Pietro Zuccotti, una a ciascuno a Chiara Zenari e Augusto Toffaletti. Due medaglie d’oro a Giulia Campostrini che con la pistola continua a vincere, così facendo si allena per il suo più importante appuntamento con le Olimpiadi Giovanili di Los Angeles in autunno. Giovanni Marazio vince un oro e un argento con l’arma corta, Elia Mattei si porta a casa un oro e un bronzo, a Vittoria Braggio una bellissima medaglia d’oro mentre Mario Donà vince due medaglie d’argento. Argento anche per Francesco Luciano Venturi Baroni e bronzo, sempre con l’arma corta, a Vittoria Toffalini, Francesco Dalla Mura, Giovanna Erculiani, Primo Casagrande e Andrea Bracchetti.

B. L.

1^ Prova Trofeo Nazionale Ranking

Verona 14 – 15 – 21 – 22 aprile 2018

A Verona abbiamo organizzato questa importante gara nazionale di tiro a segno riservata alle sole specialità che usano armi a fuoco in tutti i calibri sportivi e con il bersaglio alle distanze di 25 metri per le armi corte e 50 metri per le armi lunghe. Questa è una gara Federale ufficiale, è molto ambita dai tiratori di un certo livello perché dà la possibilità di qualificarsi ai campionati italiani. E’ dunque uno scontro diretto tra i migliori tiratori italiani provenienti un po’ da tutte le regioni ma soprattutto del centro e nord Italia. In classifica sono presenti oltre 600 nominativi e tra loro andiamo a scoprire che i tiratori di Verona, nelle varie categorie, sono saliti sul podio ben 16 volte. Ma andiamo per ordine: oro a Alexandros Chatziplis e Dalila Olto con la carabina nelle 3 posizioni, sempre oro a Nicola Aloisi e Nicola Brunelli in carabina libera a terra, oro a Giulia Campostrini in PSp (pistola sportiva) e un meritato oro a Mauro Milani in pistola libera a 50 metri. Medaglie d’argento a Nicola Aloisi e Maria Rosa Tonetto con la carabina e a Francesco Luciano Venturi Baroni e Giovanni Marazio con la pistola. Nel terzo gradino del podio si sono guadagnati il bronzo sparando con la carabina Giovanni Scandola, Camilla Veronesi e Maria Rosa Tonetto, mentre con la pistola troviamo Erculiani Giovanna in PSp, Mario Donà in PS e Salvatore Pravatà in PA (pistola automatica). E’ questa una gara molto impegnativa anche dal punto di vista organizzativo, infatti servono quasi 50 persone per espletare tutti i servizi di gara, per citarne alcuni: direttori di tiro, addetti al cambio dei bersagli, controllo bersagli e classifiche, controllo indumenti e armi, segreteria e direzione di gara e non per ultimo il ristoro dei tiratori e dei volontari ai vari servizi. Gara che viene assegnata dalla U.I.T.S., ovviamente, alle Sezioni di Tiro a Segno più organizzate e premia quindi la storica Sezione di Verona e il suo direttivo con a capo il presidente Riccardo Sartor.
B. L.

3^ Prova Campionato Regionale Federale Veneto

TREVISO 24-25 Marzo e 7-8 Aprile 2018

Domenica 8 Aprile si è conclusa, presso l’accogliente Sezione di Tiro a Segno di Treviso, la terza gara del campionato regionale di tiro a segno 2018 per le specialità ISSF, valida anche per qualificarsi alla gara finale dei campionati italiani, con ben 759 prestazioni di tiro. Erano presenti tutte le specialità, ad aria compressa e a fuoco, e tutte le categorie, Allievi, Ragazzi, Juniores, Uomini, Donne, Master e Gran Master. Verona ancora una volta si è messa in risalto e con i suoi ottimi tiratori ha guadagnato la bellezza di 51 medaglie di cui 22 di oro, 15 d’argento e 14 di bronzo. Per gli amanti delle statistiche delle 22 medaglie d’oro 13 sono state vinte dai tiratori di carabina e 9 da quelli di pistola; delle 15 d’argento 12 con la carabina e 3 con la pistola e delle 14 di bronzo sono 9 con l’arma lunga e 5 con quella corta. Ancora una volta i tiratori di carabina hanno la meglio sui tiratori di pistola con 34 medaglie contro le 17 vinte dai tiratori di pistola. La Sezione di Tiro a Segno di Treviso ha sede nello storico poligono nato nel 1928 e vanta un bellissimo stand, per le specialità ad aria compressa, inaugurato nel 1982 e recentemente, 2005, ha costruito i nuovi poligoni per il tiro con pistole di grosso calibro a 25 metri. Ma andiamo a vedere le classifiche dei tiratori con la carabina: un tris di medaglie d’oro lo ha realizzato la promettente Eleonora Andreozzi che ha vinto in C10, CST e CS3p della sua categoria; Alexandros Chatziplis ne ha vinte due d’oro e una d’argento nelle stesse specialità; una medaglia per colore le ha vinte la brava Dalila Olto che si presta anche ad insegnare ai più giovani l’arte del Tiro a segno; altra giovane promessa è Nicola Aloisi che si è portato a casa ben tre medaglie, una per colore, anche con risultati importanti; la giovanissima Anna Schiavon, figlia d’arte, ha vinto oro e argento rispettivamente in C10-3p e C10; oro e argento anche a Camilla Veronesi, quasi una veterana della Sezione di Verona; Nicola Brunelli ha vinto l’oro in CLT gruppo super A con 594/600 realizzando anche il miglior risultato del ranking nazionale e un bronzo in CL3p; una medaglia d’oro alla brava Giulia Lissandrini, una a Silvia Tamanini e una per Daniele Menini. Sempre con la carabina 2 medaglie d’argento rispettivamente per Mariarosa Tonetto e Giovanni Scandola; una ciascuno per Chiara Zenari e Augusto Toffaletti. 2 medaglie di bronzo con la carabina a Beatrice Montanari e una ciascuno a Davide Bicego, Michele Ferrari, Alberto Delaini ed a Amalia Prisco, vera colonna portante del TSN Verona. Con la pistola si sono messi in luce vincendo ben due medaglie d’oro la “solita” Giulia Campostrini, il campione Andrea Amore e Francesco Luciano Venturi Baroni; una medaglia d’oro a Diego De Mori, la giovanissima Vittoria Braggio e Giovanni Marazio. Ben 2 medaglie d’argento per Vittoria Toffalini e una ciascuno per Andrea Bracchetti e Elia Mattei che si è aggiudicato anche un bronzo. Terzo gradino del podio e 2 medaglie di bronzo per Giovanna Erculiani, una medaglia a Valentina Scardoni e a Paolo Grillo. Ottime notizie anche dalle Sezioni della Provincia con Cerea che ha vinto ben 15 medaglie di cui ben 8 d’oro con Martina Ziviani, Agustin Martin Petrini, Paolo Bronzato, Vladimir Barbieri, Adriano Ferrari, Manuel Martin Petrini, Sandro Tamborin, e Nicola Perinelli. Soave con 14 medaglie di cui 7 d’oro con Luciano Arri, Sara Crema, Franca Ruffo, Giuseppe Zuccoli, Roberto Venturi, Giovanni Caselli, Andrea Grisi, Claudio Gugole, Matteo Bertaiola e Paola Todeschini. Negrar con tre medaglie di cui due di Enrico Dal Corso e una di Alessandro Cabrusà. Una medaglia d’argento per Bardolino con Maria Teresa Pasini e una di Bronzo alla Sezione di Zevio con Franco Viviani. Sarà difficile battere questi risultati nella prossima 4^ Gara regionale, ma quello che è certo è che ci proveremo.

Luciano Brunelli

Copyright Brigata Adige 2019
Tech Nerd theme designed by FixedWidget